25 curiosità e fatti divertenti sui Pink Floyd

Come rock band in Pink Floyd hanno cessato di esistere nel 2014, dopo la pubblicazione dell’album postumo The Endless River, dedicato alla memoria del tastierista e pianista Richard Wright. Il chitarrista e cantante David Gilmour ha più volte ribadito che i Pink Floyd hanno chiuso nel 2005, al Live 8 di Londra nel quale suonarono per l’ultima volta insieme nella formazione classica Gilmour, Mason, Waters, Wright. Anche Roger Waters, la mente geniale dietro i grandi concept album degli anni Settanta, ormai è assorbito nei suoi progetti personali, anche se non ha voce in capitolo sull’utilizzo del marchio che appartiene a Gilmour e Mason.

Dopo 250 milioni di album venduti, concerti storici ovunque nel mondo è anche giusto mettere da parte una storia così gloriosa. Dopotutto Gilmour e Waters per quanto non si detestino più (hanno suonato insieme in due concerti nel 2011, tenuti a sorpresa) sono due artisti molto pigri e probabilmente fanno già fatica a dedicarsi ai loro progetti personali.

Per gli appassionati rimangono le riscoperte d’archivio e le gemme che fuoriescono dagli studi di Abbey Road, che all’inizio della carriera condividevano con i Beatles, a Londra. Ecco alcune curiosità particolare su questa band leggendaria che ha riscritto i canoni della musica rock d’autore.

  1. Tutti i componenti dei Pink Floyd, ma in particolare Gilmour e Waters sono stati grandi tifosi di calcio. I due spesso si potevano intrufolare nello stadio dell’Arsenal per assistere alle partite senza essere riconosciuti, questo grazie anche all’assenza di foto ufficiali negli album e alla tendenza a usare giochi di luce sul palco, per nascondersi.
  2. Comfortably Numb, uno dei cavalli di battaglia del gruppo presente nell’album The Wall, è l’ultima composizione frutto della collaborazione tra Waters (autore del testo) e Gilmour (autore della musica). Ci furono grosse divergenze circa l’esecuzione della canzone, ma nonostante Gilmour fosse il più preparato e avesse la direzione della produzione (arrangiamento), la versione che si sente in The Wall accoglie più i suggerimenti di Waters, in particolare l’uso dell’orchestra in sottofondo. Gilmour voleva una versione più ruvida.
  3. One Of These Days è una mini suite del 1971 presente in Meddle. Composta da tutti e quattro i componenti a un certo punto riprende il tema della sigla iniziale di Doctor Who, telefilm che amavano.
  4. I Pink Floyd erano considerati così innovativi che John Lennon e Paul McCartney andarono ad ascoltarli all’happening musicale 14h Technicolor Dream, tenuto nel 1967 a Londra. In particolare c’erano molte affinità tra Lennon e Syd Barrett, il primo chitarrista e cantante della band.
  5. L’idea di The Wall venne in mente a Roger Waters quando, alla fine della tournée nord-americana del 1977 (per promuovere Animals) nella città canadese di Montreal, arrabbiato per le intemperanze del pubblico, sputò in faccia a un ragazzo in prima fila. Nel bootleg si può facilmente sentire la frustrazione di Waters che prima supplica il fan di non andarsene, poi per calmare gli animi propone dei bis. Ironicamente Gilmour, seccato da tutta la faccenda, rimane nel retropalco e al posto suo suona il chitarrista di supporto Snowy White: la canzone finale era Us and Them.
  6. Nonostante i Pink Floyd vengano spesso associati al consumo di droghe, per il carattere psichedelico e spaziale della loro musica, e per le vicende che hanno riguardato il destino di Barrett, raramente indugiavano in droghe pesanti. Preferivano l’alcool.
  7. Fu Janis Joplin, in tour con loro, a far provare a Waters il whisky.
  8. Nick Mason è un grande collezionista di auto storiche, è uno dei pochi fortunati al mondo a possedere una Ferrari 250 GTO, una supercar dal valore di 35 milioni di euro.
  9. I Pink Floyd hanno spesso lavorato con il mondo del cinema. Stanley Kubrick chiese al gruppo l’utilizzo di Atom Heart Mother per Arancia Meccanica, ma loro rifiutarono.
  10. The Dark Side of The Moon è stato 800 settimane consecutive in classifica in USA, cioè 15 anni. Solo negli Stati Uniti ha venduto 21 milioni di copie. Il totale si stima intorno ai 45 in tutto il mondo.
  11. David Gilmour ha scoperto Kate Bush e prodotto il suo primo famoso album. Ha suonato sia con gli Who che con Paul McCartney.
  12. Gilmour all’inizio degli anni 2000 ha venduto una sua proprietà per 5 milioni di euro al conte Charles Spencer fratello di Lady Diana. Ha donato il ricavato in beneficenza. Era amico personale della scomparsa Lady D.
  13. Nell’album del 1994 The Division Bell compare il fisico Stephen Hawking: la sua voce robotica è l’introduzione alla traccia Keep Talking.
  14. Sempre Gilmour possiede la Fender Stratocaster con numero di serie 0001.
  15. Durante il periodo di The Dark Side Of The Moon, a causa del successo globale dell’album, il gruppo assunse una persona solo per rispondere NO a tutte le richieste di interviste.
  16. Nello stesso album sono presenti i genitori dell’attrice Naomi Watts: il padre come tecnico del suono, la madre come voce di sottofondo. Esistono foto del gruppo in vacanza con i tecnici dove si vede Naomi bambina. Gilmour è il padrino di battesimo dell’attrice.

    Naomi Watts è la bambina bionda a sinistra, in alto, in braccio alla madre.

  17. Gilmour per mantenersi, prima di guadagnare dalla musica, faceva il modello e l’autista di un pulmino. In viaggio nel sud della Francia col suo amico Syd Barrett conobbe anche Brigitte Bardot. I due finirono in cella per vagabondaggio e furono rifocillati perché non avevano un soldo nemmeno per pagarsi una cena.
  18. Il film comico capolavoro “Monty Python e il Sacro Graal” fu finanziato dai ricavi ottenuti da Dark Side Of The Moon e dai Led Zeppelin. Le band erano fan scatenate del gruppo comico britannico.
  19. L’autore umorista Douglas Adams (celebre per La guida spaziale per autostoppisti) era un grande amico di Gilmour e fornì l’idea per il titolo di The Division Bell. Suonò pure con la bande nel tour successivo come “regalo di compleanno”.
  20. Mentre registravano Shine On You Crazy Diamond, una triste elegia dedicata al destino beffardo e tragico di Barrett, proprio durante il missaggio fa capolino il compagno dimenticato, irriconoscibile, grasso, con le sopracciglia rasate. Non riconoscendolo, Gilmour e Waters scoppiarono a piangere. La vicenda di Syd ritorna nel film The Wall.
  21. La radio che si sente nell’introduzione di Wish You Were Here è l’autoradio di Gilmour: il cantante e autore delle musiche della canzone, gioca con le stazioni, tossisce e fuma, prima di introdurre la chitarra acustica.
  22. Nonostante l’enorme successo i Pink Floyd erano refrattari ai riflettori e sembravano a disagio con la celebrità. Dopo aver registrato Dark Side Of The Moon pensarono di far uscire un album registrato solo con oggetti domestici. Rinunciarono per l’impossibilità del progetto, ma di ciò è rimasta traccia nell’introduzione di Shine On You Crazy Diamond suonata con dei bicchieri di cristallo.
  23. Anche dopo Wish You Were Here che bissò il successo di Dark Side, decisero di pubblicare un album, Animals, che non contenesse alcuna canzone adatta per la radio. Nonostante ciò anche quell’album fu un grande successo. Nel 1979 arrendendosi pubblicarono il primo singolo dopo 6 anni: Another Brick in The Wall raggiunse la prima posizione ovunque, vendendo milioni di copie.
  24. I Pink Floyd, insieme ai Beatles, Michael Jackson e i Led Zeppelin, hanno dato alle stampe 4 album consecutivi superiori ai 10 milioni di copie vendute: Dark Side Of The Moon, Wish You Were Here, Animals e The Wall.
  25. I Pink Floyd con l’Italia hanno un rapporto particolare. Si esibirono al Piper nel 1967 ancora con Syd Barrett. Nel nostro paese hanno registrato il celebre film-concerto Live a Pompeii, considerato un capolavoro della musica psichedelica. Ma sono stati al centro delle polemiche anche per il concerto gratuito a Venezia, nel 1989, che portò 250.000 persone sulla laguna (la giunta si dimise per la cattiva gestione dell’evento). Gilmour è tornato a suonare a Pompei nel 2016. Roger Waters ha perso il padre durante lo sbarco di Anzio, nel 1944, cittadina della quale è diventato cittadino onorario. Il padre è sepolto in Italia. Anche ricordando questo tragico evento, nella canzone Not Now John è presente un verso in italiano.

Leave a Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *